giovedì 31 dicembre 2009

Buon 2010 a tutti !


Tanti auguri di buon anno nuovo a tutti i lettori. Vi auguro un 2010 scoppiettante e pieno di gain. Quest'oggi la borsa americana rimane aperta ed è probabile un rialzo per festeggiare la fine del 2009, probabile un approccio a quota 10600 punti. La borsa di Milano invece riaprirà lunedi 4 Gennaio.
I risultati del sondaggio su dove sarà il Dow Jones tra 3 mesi sono stati abbastanza positivi: secondo le vostre risposte l'indice americano dovrebbe proseguire i rialzi in questi mesi e posizionarsi attorno quota 11 mila punti. 
Buone Feste!!

mercoledì 30 dicembre 2009

Ultima seduta in lieve ribasso a Milano

Come annunciato ieri, le prese di beneficio hanno avuto la meglio in quest'ulitma seduta del 2009, chiusa in ribasso dello 0,55% a Milano. Il bilancio annuale non cambia di molto e rimane estremamente positivo. Al momento Wall Street è bloccata tra i 10505 e i 10550 punti, non dovrebbero esserci scossoni nelle due ore che rimangono alla chiusura.  

martedì 29 dicembre 2009

Qualche presa di beneficio a Wall Street


Come preannunciato ieri, dopo aver toccato nuovi massimi il Dow Jones quest'oggi si è lasciato andare a qualche presa di profitto, dopo i rialzi dei giorni scorsi. Il calo di oggi è davvero insignificante, e il trend rimane ampiamente positivo ma anche qui inizia a manifestarsi un pò di ipercomprato. Domani non dovrebbero esserci grosse sorprese ed è probabile un ritorno dell'indice a testare i massimi di oggi. attorno quota 10580 punti. In caso di ulteriori vendite al contrario il dow potrebbe andare a ritoccare quota 10500 punti.

Domani l'ultima seduta del 2009 per Milano


Domani si chiude ufficialmente il 2009 borsistico per quanto riguarda Piazza Affari. Il 2009 verrà ricordato sicuramente a lungo per le grandi emozioni che ci ha riservato nel corso dell'anno. A causa della crisi finanziaria esplosa a ottobre 2008 la prima parte dell'anno è stata molto difficile. A Marzo l'indice italiano era sotto di oltre il 30% rispetto all'inizio dell'anno e la situazione era davvero drammatica. Fortunatamente a partire dal 9 Marzo è partito un rally poderoso che ha permesso al nostro caro Ftse Mib di recuperare tutte le perdite e di portarsi in attivo di oltre il 20% rispetto al 1 Gennaio 2009. Alla chiusura di oggi il guadagno è molto consistente +24,3% e i gestori festeggieranno questo rialzo record con bonus milionari. Per domani non dovrebbero esserci troppi scossoni visto che siamo in un clima prefestivo e i volumi sono davvero esigui. Probabile un piccolo calo nell'ordine di mezzo punto percentuale dopo i rialzi di questi giorni. In caso contrario sarebbe possibile un allungo verso quota 23500 punti. Il trend rimane ampliamente positivo anche se inizia a manifestarsi qualche segnale di ipercomprato. Verso quota 24 mila punti potrebbe essere conveniente chiudere posizioni long, ma per questi livelli dovremo aspettare il 2010, per ora aspettiamo con molta pazienza.

lunedì 28 dicembre 2009

Il rally del pandoro...


Chiusure positive quest'oggi sia a Milano +0,84% a quota 23302 punti , sia a Wall Street dove il Dow Jones festeggia la fine dell'anno su nuovi massimi a quota 10548 punti. In una giornata da pochi spunti e con volumi bassissimi le borse hanno continuato a salire senza troppi scossoni ma realizzando discreti guadagni. Probabile che il rally del Pandoro, come lo definisco io,  continui in questi giorni di bassa volatilità e scarsi volumi. Da non sottovalutare tuttavia una possibile presa di beneficio dopo i rialzi di questi giorni...Il Dow Jones è alla 6 seduta consecutiva in rialzo.......

sabato 26 dicembre 2009

Ultimi 3 giorni del 2009...in arrivo gli ultimi rialzi??


La vigilia di natale ha portato il Dow Jones su nuovi massimi a quota 10520. Il trend rialzista potrebbe continuare nei prossimi giorni in questo fine 2009. Probabile un arrivo finale a quota 10750 punti. in caso di ribassi invece il livello da monitorare sarà in un primo momento i 10500 punti e successivamente i 10400. A mio avviso I rialzi dovrebbero avere la meglio anche grazie all'euforia che caratterizza gli ultimi giorni di contrattazzione in attesa del 2010.  L'analisi delle medie mobili lascia dormire sogni tranquilli a chi è long da marzo.I prezzi sono superiori a tutte le medie mobili considerate sia a breve che medio-lungo periodo.



Anche l'indice italiano è in fase di ripresa e la chiusura sopra i 23 mila punti è sicuramente è segno di forza. Probabile un primo test a quota 23300 punti e successivamente a quota 23500. Nel medio periodo potrebbe ritornare attorno a quota 24 mila punti. In caso di ribassi i livelli da monitorare sono i 23 mila e successivamente i 22750. Tuttavia è probabile la prosecuzione del trend rialzista nelle prossime sedute anche guardando le medie mobili tutte su livelli di sicurezza.


venerdì 25 dicembre 2009

Un Buon Natale a tutti da The Best Trader


The Best Trader augura a tutti i lettori un buon natale. La borsa rimarrà chiusa questi giorni per festività fino a domenica 27. Gli scambi riprenderanno il 28 dicembre per concludersi il 30 dicembre ( ultima seduta dell'anno). A breve le analisi aggiornate su Milano e sull'America.  

mercoledì 23 dicembre 2009

Torna il sereno?


Giornata interessante quella di oggi,  Milano insieme alle borse europee è riuscita a chiudere in rialzo di oltre un  punto percentuale appena sotto il livello chiave dei 23 mila punti. La congestione in atto da qualche giorno potrebbe essere interrotta in caso di superamento di quota 23 mila con target 22230 punti. Chiusure sopra tali livelli aprirebbero nuove strade rialziste. Il modellino che ho creato da poco (basato sulla analisi delle medie mobili ) è tornato sul buy già  da ieri e considerando che Wall street rimane molto in forma è inutile andare contromano. In ogni caso il supporto per domani passa in area 22750 e in caso di rottura si potrebbe attaccare i 22500, ma tutto fa presuppore a nuovi rialzi in questo fine 2009.

martedì 22 dicembre 2009

Quei dati "manipolati"....

Sono da poco usciti i dati relativi al Pil Americano nell'ultimo trimestre: +2,2% ! Il dato è chiaramente positivo e non si può negare che ci sia stata una ripresa dal tracolllo del -6,4% del primo trimestre del 2009. Quello che però è a dir poco scandaloso è che il dato preliminare uscito mesi fa segnava un vistoso +3,5% poi successivamente rivisto al ribasso a +2,8% e oggi ci troviamo a +2,2%...alla faccia della precisione nelle previsioni degli analisti..... A mio parere siamo in una manipolazione dei mercati incredibile: è facile far salire la borsa dicendo al mondo che il pil sta crescendo al 3,5% ma poi in realtà cresce al 2,2%..... tutti comprano azioni credendo che stiamo uscendo dalla crisi con velocità, mentre la situazione reale è ben diversa. Quello che è uscito oggi è la pura e cruda verità... ma la gente ha la memoria corta e dimenticano i vistosi rialzi dei mesi passati all'annuncio di quei dati.  Prima o poi ci sarà un riallineamento dei listini a veri valori fondamentali. Questo è l'ultimo di tanti dati falsati nell'ultimo periodo, vedi tasso di disoccupazione Usa nell'ultima rilevazione a un fantastico 10% ( dato davvero sorprendente..per non dire altro)  La verità è che devono assolutamente tenere su i listini per evitare la fine dei giochini delle principali investment banking che con l'attività di trading stanno facendo miliardi di euro. Prima poi però la bolla esploderà e ci ritroveremo in una situazione ben peggiore di quella dell'anno scorso...spero di sbagliarmi ma l'evidenza dei dati è tutt'altro che confortante.

domenica 20 dicembre 2009

Un analisi del Dow Jones


Venerdì l'indice americano ha chiuso in rialzo dello 0,2% a quota 10328 punti. Da circa un mese sembra essersi formato un rettangolo tra i 10500 punti e i 10250 punti. Una chiusura giornaliera al di sopra del max o al contrario, una chiusura al di sotto del minimo sarebbe un forte segnale e darebbe direzionalità al listino americano. Gli oscillatori non danno grossi segnali per operare (macd e stocastico a valori intermedi), tuttavia volendo provare a fare delle previsioni, sembra che nell'ultimo mese non ci sia stata una forza sufficente per rompere i precedenti massimi e proiettare l'indice al successivo target di 10750 punti. Una grossa spinta rialzista si avrebbe con una chiusura sopra i 10505 punti. a mio parere tale scenario appare difficile considerando soprattutto che molti indici mondiali hanno già tagliato numerose medie mobili di medio periodo e che le notizie macroeconomiche non mi sembrano entusiasmanti..tutt'altro.  Nella prossima settimana il dow dovrebbe andare a testare il livello di 10250 punti e nel caso di una chiusura al di sotto di tale livello è probabile un ritorno a ridosso dei 10 mila punti.

venerdì 18 dicembre 2009

Un altro ribasso a Milano


Giornata negativa anche oggi a Milano: Il Ftse ha chiuso in calo dell'0,9% a quota 22472, sotto l'importante soglia dei 22500 punti. La settimana si è chiusa in negativo che di per se non è un dramma ma la chiusura è sotto le varie medie mobili considerate a 5, 25, 68 e anche a 100 giorni. Il trend rialzista che ci ha tenuto compagnia da marzo a mio avviso si è interrotto già da un po ma per ora il mercato sembra rimanere senza una direzione decisa.

I livelli da monitorare per lunedi sono la resistenza a 22750 in caso di rialzo ,  mentre in caso di ribasso sarà importante la tenuta del supporto a 22380 (probabile test di questo livello in mattinata)  e successivamente 22220.

giovedì 17 dicembre 2009

Giornata in rosso a Milano






Giornata negativa a piazza affari, le vendite hanno fatto scendere il nostro indice dello 0,93% a quota 22677. Il calo è andato intensificandosi durante la seduta, chiusa poi in corrispondenza dei minimi. Ricordiamo che oggi era anche giornata di scadenze tecniche che sicuramente hanno influenzato l'andamento odierno. L'analisi del grafico mostra una certa incertezza negli ultimi giorni. Molto significativa è la candela che si è creata oggi che è identica a quella di ieri ma di colore rosso.  Probabile un attacco a 22600 punti  già domattina e successivamente a 22500 punti dove c'è un bel supporto.  ( molto probabile a mio avviso il raggiungimento di questo livello) .
alternativamente se le quotazioni dovessero muoversi al rialzo la resistenza a quota 22900 punti rimane l'ostacolo principale da superare per attacare i 23000 punti.
Guardando il grafico nel medio periodo si osserva che i prezzi sono al di sotto delle medie mobili a 5, 25 e 56 periodi, che non è proprio un bel segno. oltretutto sembra si stia formando un canale ribassista a partire dai massimi di metà ottobre attorno ai 24500 punti.  Rimango dell'idea che nel medio periodo i mercati andranno giù ma nel frattempo osserviamo i grafici e navighiamo a vista.


martedì 15 dicembre 2009

Chiusura in rosso per wall

Il dow jones archivia la giornata in rosso dello 0,47% a 10452 punti ...nulla di preoccupante. l'analisi del derivato non propone molte variazioni dai giorni scorsi. la calma sembra aver preso dimora a ney york. i livelli da monitorare per il derivato per domani sono i 10450 punti al rialzo e successivamente i livello critico dei 10500 punti , uno scoglio che difficilmente si potrà abbattere già da domani. Al ribasso i livelli chiave sono 10360 e successivamente i 10310 e in caso di crolli fino a 10250 (ipotesi quest'ultima abbastanza improbabile)

Ancora un giorno di indecisione per il Ftse

giornata con pochi spunti a piazza affari, dopo aver visto le quotazioni muoversi abbastanza poco, la seduta si è chiusa in frazionale ribasso : -0,15% . Come scritto ieri l'indecisione rimane alta e c'è un certo equilibrio tra acquirenti e venditori. nei prossimi giorni capiremo meglio la situazione. Oggi il future è andato a testare il supporto a quota 22400 (livello chiave a questo punto) ma poi ha ripreso fiato per chiudere a 22650. Per domani i livelli chiave al rialzo sono: 22700 che se superati aprirebbero lo spazio all'attacco ai 22900 resistenza di qualche giorno fa, a mio parere tale scenario appare improbabile; al ribasso il livello chiave sarà il supporto a 22400 e in caso di rottura potrebbe spingersi  fino a 22210 livello dal quale potrebbe ripartire copiosi acquisti. 

lunedì 14 dicembre 2009

Il dow sopra i 10500

Chiusura positiva a Wall Street dove l'indice americano ha chiuso a 10501 sopra il livello chiave dei 10500 punti. L'analisi del future sul dow tuttavia mostra una mancanza di forza nel superare tale livello: massimo giornaliero in corrispondenza di quel livello ma poi finale di seduta in discesa e chiusura non proprio brillante a 10433. se domani dovesse superare con forza questi benedetti 10500 punti e chiudere sopra tali livelli non ci sarebbero più ostacoli per la corsa verso gli 11 mila punti. in caso contrario da monitorare il livello di 10400 (di future) che in caso di rottura potrebbe scendere fino a 10360 e successivamente a 10310.

Analisi Ftse Mib

Giornata positiva oggi a piazza affari: l'indice Ftse mib ha guadagnato 1,08% portandosi a quota 22652 punti.
L'analisi sul future dell'indice italiano mostra una chiara indecisione negli ultimi giorni. si trova all'interno di un range di prezzi in cui è bloccato tra i 22900 e i 22200 punti. chiusure sopra tali livelli potrebbero dare finalmente una direzionalità al mercato.
Per domani i livelli da monitorare sono la resistenza a 22900 al rialzo e il supporto a 22400 al ribasso.

L'inizio di una nuova avventura

Ciao a tutti, quest'oggi ho deciso di aprirmi finalmente un blog tutto mio dove potrò ogni giorno scrivere le mie opinioni, le mie analisi, le varie notizie, etc etc che riguardano l'ambito della finanza e in particolar modo il mondo della borsa. Le analisi sui livelli dei prezzi riguarderanno sia i derivati sia gli indici, e in un secondo momento proverò a fare analisi anche sulle materie prime e sul forex nonchè sulle singole azioni . Cercherò di rendere il blog migliore giorno dopo giorno attraverso i vostri suggerimenti; perdonatemi gli errori di scrittura e soprattutto le lacune estetiche che pian piano cercherò di eliminare.   Grazie